Rinasce la passione per il gelato

Complici anche i miei genitori, a aprile mi sono regalato una macchina professionale per il gelato. Così ho ricominciato a produrre gelati in maniera professionale.

Una sera dopo una cena con gli amici di Recco Fabrizio e Nicoletta, Fabrizio mi chiede :”ma ci metti le polverine nel gelato?” e io “per forza, ci vogliono”

Quella frase mi ha stimolato diverse domande e dal mattino dopo ho iniziato a studiare ricette del tutto nuove senza nessun tipo di preparato.

Ho sviluppato una crema fatta con tuorlo, zucchero, latte, panna miele e amido di mais.

I gusti bianchi con latte, panna, zucchero, miele, amido di mais e albume d’uovo.

infine i gusti frutta con frutta, acqua, miele, zucchero e inulina (fibra alimentare estratta dalla ragice della cicoria).

Sto avendo un successo incredibile tra gli amici, spero di poter aprire presto una gelateria naturale.

Breve stage presso il ristorante stellato San Giorgio di Cervo (SV)

 

Ho avuto la fortuna nel mese di febbraio di fare un altra esperienza presso un ristorante stellato, il San Giorgio di cervo.

La chef Caterina Lanteri, personaggio quantomeno stravagante, mi ha accolto nella sua cucina, mostrandomi il rigore con cui interpreta i piatti del nostro territorio.

Una bellissima esperienza, ma non in linea con quello che è il mio stile di cucina. Una bella esperienza per la quale ringrazio.

Anche quest’anno sono stato invitato a partecipare a Goute de France

E’ vero che siamo italiani, ma visto che fin dai tempi dei Medici la nostra cucina e quella d’Oltralpe sono intrecciate perchè non partecipare e fare una serata un po’ diversa?

Ricette per Altroconsumo

Ieri il presidente dell’associazione di cui faccio parte, la Assocuochi Savona ci ha chiesto di mandargli qualche ricetta contenete un pesce di una lista che ci ha mandato per un eventuale pubblicazione su Altroconsumo.

Ho deciso di condividere con voi queste ricette.

ricciola mela tatin e crumble al cioccolato

gnocchi di calamaro carciofi e burrata (pubbliacata sul Secolo XIX del 23-12-2015)

Gambreroni rossi frutto della passione e maionese di pomodoro (pubblicata sul Secolo XIX del 13-08-2015)

Esperienza con Gualtiero Marchesi e Paolo Lopriore

20151117_165016

20151116_170440

20151116_114505

Lunedi e martedi 16 e 17 novembre 2015 ho avuto la fortuna di partecipare a un corso denominato la cucina come forma d’arte organizzato dall’Accademia Marchesi.

Qui ho conosciuto il Signor Gualtiero Marchesi e gli Chef Paolo Lopriore e Michel Magada docente A.L.M.A.

Ho scoperto varie cose, in primis, il Signor Gualtiero è una persona di una semplicità e una sensibilità fantastica.

In secundis tutti i piatti “famosi” che propongono ora i cosidetti grandi della cucina sono tutti rivisitazioni di suoi piatti.

E’ stata un esperienza fantastica capire come è nato tutto quello che oggi viviamo nell’alta cucina.

Lo chef Lopriore ci ha dato una dimostrazione della sua nuova idea di cucina, la cucina conviviale, ossia il piatto viene assemblato a tavola dai commensali.

Una grande esperienza, spero di poter fare un breve stage in un ristorante di uno di questi grandi chef.

Secondo classificato al concorso Nazionale de “Il chicco d’oro”

11062678_983632475028045_2344180594466475343_o

12038373_983633098361316_5594491636483808175_n

????????????????????????????????????
????????????????????????????????????

Sono partito con qualche speranza, quando sono arrivato a Isola della Scala per la 49 edizione de il chicco d’oro pensavo di non poter vincere, ma poi un po di tranquillità e forse un piatto davvero buono mi hanno portato al secondo posto di una finale nazionale.

A guidicarmi lo chef Tacchella, 2 membri della nazionale italiana cuochi, il presidente dell’associazione italiana sommelier e il presidente della fiera.

è stata una bella emozione, avevo dedicato il piatto a mia moglie e lei è riuscita a essermi accanto.

Penso e ringrazio tutti i miei maestri e la mia famiglia.

Ho fatto il secondo a Massimo Viglietti al Festival des Etoilles di Mougins

 

Ringrazio l’amoico Massimo Viglietti che ha creduto in me e mi ha portato con se al Festival des Etoilles di Mougins a fargli da secondo.

Lo chef ha presentato un quadro dessert che ha realizzato al momento e una tatin di mele e aringa affumicata con lo yogurt che ho aiutato a comporre.

Massimo mi ha presentato a tutti i presenti e mi ha fatto l’in bocca al lupo per la gara di isola della scala.

Grazie Massimo

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close